Nostra Signora di Zeitoun (Egitto)

 

show_image_NpAdvSinglePhoto.jpg

 

2 aprile – Prima apparizione a Zeitoun (1968- 1970), riconoscenza Patriarca copto : festa liturgica delle Apparizioni di Zeitoun – morte del Papa Giovanni Paolo II

Film Le Apparizioni di Maria a Zeitoun-Egitto

Albun Fotografico

 Sito

Le strabilianti apparizioni di Maria a Zeitoun (I)

A partire dal 2 aprile, a Zeitoun, in un quartiere popolare situato a nord del Cairo, in Egitto, dove la tradizione racconta che la Sacra Famiglia si sia fermata, delle intere folle hanno visto la Vergine apparire al di sopra della cupola centrale di una chiesa copta, per delle ore, varie volte durante la settimana, per parecchi anni. Coloro che vedevano la Vergine non erano solamente cristiani – copti, cattolici o ortodossi – ma anche, e addirittura in maggioranza, dei musulmani. Molti hanno beneficiato di guarigioni miracolose e questi fatti, conosciuti in tutto l’Egitto, sono stati oggetto di innumerevoli testimonianze, di inchieste, di riconoscimenti ufficiali, di moltissimi articoli di giornali e riviste del paese, durante anni. La Vergine non ha pronunciato nessuna parola. Appariva all’improvviso, soprattutto durante la notte, in atteggiamenti e vesti varie. Le apparizioni più eclatanti avvennero tra il 27 aprile e il 15 giugno 1968. A partire dal 1970, esse furono meno frequenti, circa una al mese, anche se alcune furono molto spettacolari.

 

Tratto dal libro di Padre François Brune
« La Vierge de l’Egypte : l’incroyable apparition de Marie à des millions d’Egyptiens »
Edizione « Le jardin des Livres – Références »
 

Le straordinarie apparizioni di Zeitoun, in Egitto (II)

Le numerose apparizioni della Vergine furono in effetti visibili ad un grande numero di persone, durante periodi molto lunghi. Per molte settimane su quel posto, la folla raggiunse il ragguardevole numero di 250 mila persone, provocando grandi imbottigliamenti. Il 13 aprile 1968, il fotografo Wagih Rizk Matta fu il primo a scattare delle foto stupefacenti e una sua ferita sul braccio fu curata, così come molti altri furono guariti, quando si recarono sul posto.  

Dal 1969, la Chiesa Copta ortodossa inserì nel suo calendario liturgico una festa della trasfigurazione della Vergine Maria a Zeitoun, che viene ora celebrata ogni anno il 24 barmahat, che corrisponde al nostro 2 aprile.

 

Quale potrebbe essere il significato di una tale impressionante manifestazione della Vergine ? Zeitoun,in arabo, significa « olive » e l’ulivo, un ramo del quale è tenuto in mano dal la Vergine, è il simbolo della pace ed è giunto proprio quando la minoranza copta era minacciata di oppressione dalla terribile guerra dei sette giorni, nel 1967, che aveva seminato il lutto nel Medio Oriente.

 

In seguito della cattura di Gerusalemme, era divenuto pressoché impossibile ai Copti di andare nei Luoghi Santi e Jehan Sadat, la vedova del presidente assassinato, scrisse queste parole nella sua biografia intitolata Una donna d’Egitto, che le aveva dettato Maria : « Popolo d’Egitto, so che tu non potrai più venire a vedermi a Gerusalemme ; così sono stata io che sono venuta a vederti al Cairo. »  

Tratto dal Dizionario delle Apparizioni della Vergine
Abbé Laurentin, Fayard 2007
 
 
Il patriarca cattolico Stephanos
 
 dichiarò autentiche queste apparizioni, cui potè assistere anche un inviato della Santa Sede il 28 aprile dello stesso anno. La figura della Vergine splendeva nel buio e si stagliava, ora intera, ora solo nel busto, contro le cupole. Talvolta si muoveva lungo il tetto della chiesa, talvolta fluttuava nel cielo. Quando la folla era radunata, Ella annuiva col capo o allargava le mani in segno di benedizione.
Certe apparizioni si protrassero per più di due ore, così che la gente radunata ne chiamava altra e i testimoni oculari si moltiplicavano. Interrogati poi su quel che avevano visto, tutti erano unanimi nelle descrizioni.
A volte attorno alla Madonna si vedevano sfrecciare numerose luci in forma di colomba. Tantissime le foto scattate in quelle occasioni (alcune di esse sono rintracciabili in Internet).
Un dato insolito che accompagnò gli eventi di Zeitun fu che, nonostante le numerose persone presenti, sia egiziane che straniere, equipaggiate di macchina fotografica, solo una riuscì ad immortalare le singolari apparizioni: il fotografo locale, Waghib Ziz. Il giovane, a differenza di altri suoi colleghi dotati di attrezzature più moderne, riuscì con la sua vecchia macchina a lastre in due occasioni a documentare le figure luminose. L’eccezionalità dei suoi scatti è anche data dal fatto che Waghib presentava un piccolo handicap ad un braccio, rimastogli rigido in seguito ad un incidente automobilistico avvenuto l’anno precedente. Emozionatissimo, il giovane collocò il cavalletto della sua macchina su un terrazzino e appena apparve la nube luminescente scattò una prima foto.
Mentre era intento a cambiare la lastra per effettuare un secondo scatto, Waghib constatò con un certo stupore che il braccio rigido si muoveva agevolmente.
 
 
Nostra Signora di Zeitoun (Egitto)ultima modifica: 2012-12-15T07:07:00+01:00da giuliusvinco56
Reposta per primo quest’articolo